Vita Indipendente

 

Anffas Altamura è riconosciuta quale Centro Ausili per la Vita Indipendente e la Connettività Sociale delle persone con disabilità e gli anziani non autosufficienti (AD n. 216/2015 Regione Puglia) e quale associazione per la costruzione e la gestione dei progetti di Vita Indipendente (AD n. 086/2020 Regione Puglia).

 

CONTATTI ANFFAS ALTAMURA

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

tel. 3271971101 - 0803113224

 

 

SOGGETTI BENEFICIARI:
Possono presentare istanza di finanziamento le persone con disabilità grave, anche senza supporto familiare che presentino accertate potenzialità di autonomia e abbiano manifestato, anche in maniera supportata, la volontà di realizzare un Progetto di Vita Indipendente.


Le linee finanziate sono le seguenti:

LINEA A:

persone con disabilità in situazione di gravità, come individuate ai sensi del comma 3 dell’art. 3 della L. 104/1992, che rispettino, inoltre, tutti i seguenti requisiti minimi:

a. di età pari o superiore ai 16 anni e non oltre i 66 anni compiuti, fatti salvi coloro che risultino già beneficiari di un Progetto di Vita Indipendente alla data di pubblicazione del presente Avviso Pubblico per i quali rilevi la continuazione del percorso di Vita Indipendente;

b. in possesso di certificazione di handicap ai sensi dell’art. 3 comma 3 della L. 104/92;

c. residenti nella Regione Puglia, da almeno 1 anno, dalla data di pubblicazione del Presente Avviso Pubblico;

d. in permanente grave limitazione dell’autonomia personale, non derivante da patologie strettamente connesse ai processi di invecchiamento;

e. con livelli di intensità del bisogno assistenziale limitativo dell’autonomia personale, non superabile attraverso la sola fornitura di tecnologie per la domotica sociale, per la connettività sociale, nonché di protesi e altri sussidi esterni;

f. in grado di esprimere la propria capacità di autodeterminazione, anche se in maniera supportata e la volontà di gestire in modo autonomo la propria esistenza e le proprie scelte;

g. vivano presso il proprio domicilio e nel proprio contesto familiare;

h. assenza di attivazione in favore di percorsi assistenziali individualizzati (PAI) sostenuti con Assegni di Cura;

i. non abbiano mai beneficiato della misura PRO.V.I., ovvero siano titolari di Progetti di Vita Indipendente (PRO.V.I. 2016-2018 di cui all’AD 671/2016), con data di scadenza della seconda annualità del progetto in data precedente o rientrante nell’arco temporale di apertura delle finestre quadrimestrali di cui all’art. 6 o abbiano presentato rinuncia all’istanza in corso di istruttoria a valere sulla procedura di cui all’Avviso approvato con AD 671/2016.

Per ciascun PRO.V.I. è riconosciuto un massimo di Euro 15.000,00 per il periodo complessivo di durata del PRO.V.I. pari a n. 12 mesi per ciascun destinatario.


LINEA B:
Persone con disabilità in situazione di gravità, come individuate ai sensi del comma 3 dell’art. 3 della L. 104/1992, che rispettino, inoltre, tutti i seguenti requisiti minimi:
a. età compresa tra 18 e 64 anni (è possibile sostenere la continuità degli interventi, anche in deroga all’età, tenendo sempre in considerazione che i beneficiari, di norma, sono persone con disabilità grave non dovuta al naturale invecchiamento o a patologie connesse all’età);
b. in possesso di certificazione di handicap ai sensi dell’art. 3 comma 3 della L. 104/92;
c. residenti nella Regione Puglia, da almeno 1 anno, dalla data di pubblicazione del Presente Avviso Pubblico;
d. prive del sostegno familiare in quanto mancanti di entrambi i genitori ovvero perché gli stessi risultano avere un’età superiore ai 65 anni o siano in situazione di disabilità e pertanto non sono in grado di fornire l’adeguato sostegno genitoriale, nonché in vista del venir meno del sostegno familiare, ai sensi dell’art. 1 del comma 3, lettera b dell’art. 4 del D.M. 23/11/2016;

e. assenza di attivazione in favore di percorsi assistenziali individualizzati (PAI) sostenuti con Assegni di Cura;
f. non abbiano mai beneficiato della misura PRO.V.I., ovvero siano titolari di Progetti di Vita Indipendente (PRO.V.I. 2016-2018 di cui all’AD 671/2016), con data di scadenza della seconda annualità del progetto in data precedente o rientrante nell’arco temporale di apertura delle finestre quadrimestrali di cui all’art. 6 o abbiano presentato rinuncia all’istanza in corso di istruttoria a valere sulla procedura di cui all’Avviso approvato con AD 671/2016.


Il budget di progetto a valere sul Fondo per il “Dopo di Noi” potrà variare in maniera proporzionale alla durata del progetto fino ad un massimo di Euro 20.000,00 per progetto e per la durata massima di 18 mesi per ciascun destinatario.

Spese ammissibili per la linea A e la linea B:

a) contrattualizzazione di un assistente personale (max 70% del budget totale)

b) spese per acquisto di ausili domotici e tecnologici innovativi (max 20% del budget totale)

c) fidejussione bancaria (solo se richiesto l'anticipo del contributo)

d) spese per favorire la mobilità (trasporto pubblico, trasporto sociale e a domanda)

e) spese di consulenza per progettazione, certificazione domotica e consulente del lavoro (max 10% del budget totale)

 

Spese ammissibili solo per la linea B (ProVi Dopo di Noi)

f) arredi adattati per l'abitazione (max 10% del totale del budget progetto)

g) spese per canone di locazione (max 25% del totale del costo del progetto)

h) spese per ristrutturazione e abbattimento barriere architettoniche (max 20% del totale del costo del progetto).

 

FINESTRE INVIO DOMANDE


dal 10 marzo al 30 marzo


dal 10 giugno al 30 giugno


dal 10 ottobre al 30 ottobre

Share

Menu Articoli

Contatta il S.A.I.?

Anffas Giovani

Tribunale dei Diritti dei Disabili

Il tuo 5x1000 ad Anffas

Un grazie a chi ci sostiene

Torna su